La Respirazione Personalizzata

Respirare è il primo atto della nostra vita, senza di essa moriremmo dopo pochi istanti, eppure nell' arco degli anni per svariati motivi, la nostra respirazione diventa sempre più inefficiente, "corta", poco favorevole al ricambio di ossigeno.
Senza entrare troppo nello specifico dell'argomento, bisogna sapere che anche la sola e pura RESPIRAZIONE fatta così....tanto per farla è inutile, improduttiva e a volte peggiorativa dello condizione del soggetto, a meno che non si PERSONALIZZI in funzione della condizione psicofisica della persona, la respirazione più adatta.
Facciamo subito un esempio calzante:
un soggetto tendenzialmente SIMPATITONICO ( con ansia, nervosismo, tachicardia, colon irritabile), trarrà beneficio dalla respirazione ADDOMINALE LENTA e LUNGA.
Per chi non la conosce ancora, viene eseguita prendendo aria dal naso gonfiando la pancia, e buttando fuori l'aria sempre dal naso in maniera tranquilla con un ritmo espiratorio almeno DOPPIO rispetto alla fase inspiratoria; in soldoni occorre espirare in maniera più lunga rispetto a quando prendo aria dal naso....
Grazie a questo tipo di RESPIRAZIONE, ho la possibilità di abbassare la frequenza cardiaca ( tipicamente alta nei soggetti ansiosi, stressati e nervosi), e andare ad agire sull'abbassamento di alcuni ormoni tra cui ADRENALINA, NORADRENALINA ed EPINEFRINA che sono tendenzialmente alti in questi soggetti.
Questa tipologia di lavoro permette di ridare un po' di calma, tranquillità e serenità ai soggetti tendenzialmente SIMPATITONICI.
Mentre se abbiamo a che fare con un soggetto tendenzialmente in DEPRESSIONE, chiuso in se stesso, con bassa autostima e apatico , questo tipo di lavoro andrebbe a peggiorare ancora di più la sua situazione.
In questo ultimo caso il soggetto non deve essere CALMATO, bensì RIVITALIZZATO, e tutto ciò lo otteniamo anche grazie ad un certo tipo di RESPIRAZIONE ENERGIZZANTE YOGICA che ora vi spiegherò.
Si prende aria espandendo prima l'addome e poi il torace, si espira svuotando prima il torace e poi l'addome , come se fosse un movimento "ad onda".
Il ritmo tra inspirazione ed espirazione è identico, si può cominciare con 3/4 secondi per l'inspirazione e il medesimo tempo per la fase espiratoria, la cosa importante è cercare di creare questa "onda", in maniera più fluida possibile.
Ottima da usare anche durante la giornata, se si è un po' stanchi e si desidera rivitalizzare il proprio corpo, e per i fumatori poiché migliora la capacità polmonare.
Un'altra RESPIRAZIONE che può essere usata è quella PRE-SPORT, dove necessito di convogliare tanta energia in poco tempo.
In questo caso dovrò effettuare delle espirazioni addominali rapide ( circa due al secondo), inizialmente per non più di 10 espirazioni.
E' controindicata per per cardiopatici, ipertesi e ansiosi in fase acuta.
Naturalmente vi invito a rivolgervi a Professionisti del settore, che possano insegnarvi in maniera corretta l'utilizzo delle varie respirazioni in funzione delle vostre necessità; il fai da te in questo caso risulta poco utile, poiché ogni respirazione necessita di diversi "step" di apprendimento, senza i quali è impossibile riuscire ad imparare in maniera corretta e utile qualunque tipologia di respirazione.
Per chi è più esigente e vuole utilizzare la respirazione come terapia per ottimizzare la propria forma fisica o performance sportiva, esiste una strumentazione denominata PPG (PLATISMOGRAFIA), che permette di "calibrare" sul soggetto in maniera ALTAMENTE PERSONALIZZATA , la respirazione più utile al miglioramento della condizione fisica/salutistica/sportiva; ho scritto in precedenza un articolo proprio su questo e diversi clienti hanno già ottenuto OTTIMI risultati grazie alla terapia di risonanza respiratoria.
Buona Respirazione Personal a tutti!!