Leggere le etichette

La maggior parte delle persone quando vanno al supermercato a fare la spesa, decidono di comprare un dato alimento senza controllare la parte posteriore della confezione;
invece il segreto per individuare le vere caratteristiche di un cibo a partire dall'etichetta è proprio controllare la parte posteriore della confezione, ignorando la parte anteriore, che è solo e sempre uno specchietto per le allodole.
Ricordatevi che la grande industria seleziona esperti di marketing per "attirare l'attenzione" e creare attraverso nomi suggestivi, colori altisonanti, slogan di ogni tipo, in modo da farvi credere che in quel prodotto c’è qualcosa di sano.
D'altronde chi mi segue da un po', avrà capito cosa penso dell'industria in genere e delle multinazionali; il loro unico scopo è farvi ammalare, inserendo all'interno dei prodotti sostanze che creano "dipendenza" a quel dato prodotto, in modo che terminata la confezione, andrete di nuovo al supermercato per ricomprarla.....

Nel giro di un po' di tempo quel dato prodotto avrà fatto il suo "effetto" negativo all'interno del nostro organismo, e potremo consultare il medico di turno che ci propinerà il "farmaco" per "curare" il sintomo; da lì andremo in farmacia ad acquistare il prodotto con grande "felicità'" di tutti.

Purtroppo gli interessi "economici" sono più importanti della salute degli esseri umani; non ci possiamo permettere di essere perennemente in salute altrimenti andrebbero a rotoli gli interessi economici di grandi industrie e ditte farmaceutiche.

Ci vogliono "malati", per poi poterci "curare".

Ma torniamo all'argomento del giorno...Allora:
Prendete la confezione prima di acquistarla, giratela, cercate la lista degli ingredienti, che spesso e volentieri è scritta (apposta) a caratteri illeggibili, in modo da persuadervi nel leggere cosa c'è dentro al prodotto in questione.

Munitevi di occhiali (se ne avete bisogno), e iniziate a leggerli uno ad uno.

Se leggete uno dei seguenti nomi non comprateli:

Glutammato monosodico: è un additivo neurotossico, pericoloso e potenzialmente letale, aumenta l'appetito, fa ingrassare, e provoca svariati disturbi di ogni genere.
Aspartame: anch'essa è una sostanza neurotossica, che fa ingrassare , stimola l'appetito, e provoca disturbi quali emicrania e sindrome premestruale.
Sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio: è un prodotto chimico che induce "dipendenza" e fa ingrassare
Oli idrogenati o parzialmente idrogenati: sono grassi TRANS che spianano la strada a diverse malattie metaboliche e cardiache.
Lasciateli negli scaffali!!!
Aromi naturali e Artificiali: sono sostanze aggiunte al prodotto allo scopo di far incrementare l'appetito, far ingrassare e creare "dipendenza". Inoltre vengono inseriti per prolungarne la conservazione in modo che possano mantenere un sapore "gradevole" per il consumatore.
Olio di palma: è un olio "letale", che viene ricavato a costi notevolmente bassi e provoca danni fisici d'ogni tipo.
Farine bianche arricchite: la farina raffinata e sbiancata e priva di fibre, e viene ricavata con processi di raffinazione chimica cosi spinta da renderla simile ad una droga.
Questi sono solo i principali ingredienti che bisogna conoscere ed evitare.

Qualcuno mi contesterà di non avere tempo per leggere le etichette e di avere bisogno di cose comode, convenienti e veloci.
Andate pure al supermercato a comprare il vostro cibo preconfezionato ma almeno trovate un negozio che offra un ampia scelta di prodotti biologici, che perlomeno saranno sicuramente meno dannosi rispetto a quelli tradizionali.
I bioalimenti hanno meno ingredienti (fattore molto positivo), sono praticamente privi di sostanze chimiche, non subiscono lavorazioni industriali e quindi mantengono intatti tutti i valori nutrizionali.
Non creano disturbi di digestione, gonfiore, flatulenza, e vengono assimilati molto facilmente, senza scatenare quella voglia incontrollabile di cibo.
Ricordatevi, proprio queste "voglie", sono un obiettivo della grande industria alimentare che fa soldi speculando sull'appetito insaziabile cui riesce ad indurvi.
Quindi da domani, occhio alle etichette, evitate di comprare quel prodotto solo perché' è "famoso e conosciuto", ma leggete le etichette prima di fare l'acquisto.